ANDREA INGENITO CONTEMPORARY ART

Andrea Ingenito contemporary art
Via Privata Massimiano 25, Milano

Highlights
Marco Abbamondi

Presso la sede milanese della galleria è attualmente in corso la personale Highlights dell’artista napoletano Marco Abbamondi. Le sue composizioni – a metà tra quadri e sculture – sono il frutto di un connubio volutamente antitetico: una base in cemento, elemento grezzo ma di grande utilità per l’uomo, e una selezione di  pigmenti pregiati estratti dalla terra, provenienti da più parti del mondo. Il titolo della mostra cela un duplice significato: la luce che gioca un ruolo fondamentale nella lettura dell’immagine, e il concept stesso dell’allestimento: ossia raccontare i tratti salienti della produzione dell’artista dalle sue primissime creazioni – dai toni più terrosi e cupi - a quelle più recenti, in cui i pigmenti adoperati producono effetti sempre più vibranti e intensi. Si è scelto di dedicare un’intera esposizione al percorso artistico di Marco Abbamondi in quanto tra gli obiettivi della galleria vi è la promozione di giovani artisti. (Nel caso di Abbamondi, tra l’altro, si tratta di una collaborazione in esclusiva). Per l’occasione la galleria ha realizzato un catalogo. Tra le ultime mostre di Marco Abbamondi si ricorda l’esposizione tenutasi presso gli appartamenti storici della Reggia di Caserta dal titolo Live, a cura di Carla Travierso. Andrea Ingenito contemporary art

Presso la sede napoletana sono esposte opere di Keith Haring e dell’inglese Banksy. L’allestimento, costituito da circa venti opere su carta, ha l’intento di porre in dialogo tra loro due grandi maestri dell’arte cosiddetta di strada, il suo capostipite e il suo massimo esponente attuale. Nonostante il writer Banksy abbia costruito il suo personaggio rinnegando la filosofia del merchandising e della figura dell’artista pop promossa da Keith Haring, utilizza continui riferimenti all’artista americano nelle sue opere. Immagini simbolo dell’alfabeto di Haring – l’iconico cane ad esempio – diventano la sua personale arma per difendersi da quella parte del mondo da cui prende decisamente le distanze. Rilegge in chiave personale gli insegnamenti del suo predecessore contribuendo a fare dell’arte di strada un’espressione artistica a tutti gli effetti. L’esposizione prosegue l’approfondimento sul movimento della street art avviato nella fortunata mostra Banksy e la (post) street art tenutasi presso il Museo Pan – Palazzo delle arti di Napoli dal 23 dicembre 2019 al 16 Febbraio 2020, ideata e curata da Andrea Ingenito.

Ritorna