PAOLA VERRENGIA

Intesa come un’occasione per riconsiderare i luoghi della vita quotidiana mediante il lavoro di cinque artisti italiani (Filippo Centenari, Emanuela Fiorelli, Federica Luzzi, Marina Paris, Paolo Radi), A Moment of Reflection è un percorso sulla fragilità del presente e sulle perplessità che prospetta il prossimo futuro. Nell’attesa che qualcosa evolva e che si possa pensare a una solidità progettuale la cui linearità torni ad essere consuetudine per tutti, l’esposizione indica un irrinunciabile cammino comune, una indispensabile ricerca che se da una parte punta sull’esclusività dell’arte italiana, dall’altra mira a costruire un’atmosfera visiva (emotiva) fatta di lavori che dialogano con lo spazio per farsi spazio e tessere le basi allegoriche di un nuovo, felice orizzonte sociale.

Intended as an opportunity to reconsider the places of everyday life through the work of five Italian artists (Filippo Centenari, Emanuela Fiorelli, Federica Luzzi, Marina Paris, Paolo Radi), A Moment of Reflection is a journey through the fragility of the present and the perplexity of the near future. While waiting for something to evolve and to think about a solidity of design whose linearity is once again customary for everyone, the exhibition indicates an indispensable common path, an indispensable research that, if on the one hand aims at the exclusivity of Italian art, on the other aims at building a visual (emotional) atmosphere made of works that dialogue with space in order to make space for themselves and to weave the allegorical bases of a new, happy social horizon.

Ritorna