OSSERVATORIO ARTE FIERA

photo

Lorenzo Balbi

Responsabile Area Arte Moderna e Contemporanea Istituzione Bologna Musei
Direttore artistico MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna 

Foto Caterina Marcelli

 

Sono dichiaratamente di parte ma la mostra che invito a visitare è la personale di Mika Rottenberg al MAMbo, durante l'art week bolognese.

L’artista di origine argentina, cresciuta in Israele e oggi di base a New York, tra le principali protagoniste della scena contemporanea mondiale, si appropria degli imponenti volumi della Sala delle Ciminiere per animare, attraverso un percorso labirintico senza soluzione di continuità, nove delle sue più recenti produzioni – oggetti scultorei e installazioni video appositamente costruite - celebri per il loro registro narrativo sarcastico e bizzarro.

In occasione della mostra vengono esposti due nuovi lavori appositamente commissionati da MAMbo in collaborazione con importanti istituzioni museali europee: Goldsmiths Centre for Contemporary Art London e Kunsthaus Bregenz: Untitled (Ceiling Projection) e Study # 4.

Entrambe le opere, che esplorano il potenziale e i limiti fisici e psicologici del corpo umano, riflettono il tentativo dell’artista di creare uno stato spirituale e uno stato cosmico, in cui le energie trasformano le cose da uno stato di materia a un altro.
 

Mika Rottenberg, MAMbo, dal 30 gennaio 2019

Mika Rottenberg, Untitled Ceiling Projection

UNTITLED CEILING PROJECTION, 2018

INSTALLAZIONE VIDEO MULTICANALE

DIMENSIONI VARIABILI

COURTESY L'ARTISTA, GOLDSMITHS CCA, LONDON, MAMBO - MUSEO D'ARTE MODERNA DI BOLOGNA E KUNSTHAUS BREGENZ