OSSERVATORIO ARTE FIERA

photo

Federica Schiavo

Federica Schiavo è direttrice con Chiara Zoppelli della Federica Schiavo Gallery fondata nel 2009 a Roma e trasferita nel 2016 a Milano. Dal 2019 fa parte del Comitato di Selezione di Arte Fiera.

Patrick Tuttofuoco - Zero (Weak Fist)
 

Bologna è stata l’ultima tappa del viaggio di Zero (Weak Fist) di Patrick Tuttofuoco, opera vincitrice del primo bando dell’Italian Council e fra i main projects di Art City 2019.

La scultura luminosa raffigurante una mano in posizione rilassata, semi chiusa, o semi aperta, a seconda di come la si vuole leggere, è nata per un progetto itinerante, partito dall’Arco Augusto di Rimini, passato dal cortile dell’Ambasciata Italiana a Berlino e approdato infine in cima alla Porta San Donato/Zamboni a Bologna.

I luoghi scelti nelle tre città che hanno ospitato l’opera sono tutti fortemente caratterizzati per la loro funzione e il loro legame con la storia (a partire dall’Arco Augusto di Rimini, unico arco che non celebra una vittoria, che non doveva servire a chiudere le porte al nemico). Allo stesso modo, Porta San Donato a Bologna è il punto d’accesso al quartiere universitario, simbolo della multiculturalità e della predisposizione all’inclusione che da sempre caratterizzano la vita nel capoluogo emiliano. Inoltre, per il suo collegamento con l’Università e la vita culturale, mantiene il suo valore storico, manifestando al contempo una tensione verso il futuro.

Zero (Weak Fist) raffigura una mano stretta in un pugno: esso però non è chiuso, ma leggermente aperto, in un gesto accogliente, inclusivo. E’ un’opera che apre a due possibili interpretazioni: di resistenza, se si guarda il pugno chiuso, oppure di apertura e volontà di mettersi in discussione, di credere nel dialogo e nell’inclusione. E’ un’opera che parla del nostro tempo.

 

op_schiavo