OSSERVATORIO ARTE FIERA

photo

Francesco Ribuffo

Francesco Ribuffo dirige, con Bernardo Bartoli ed Elena Ribuffo, la Galleria de’ Foscherari di Bologna. Nata nei primi anni '60 dalla volontà di Pasquale Ribuffo e Franco Bartoli, la galleria rimane fedele al suo programma, articolato lungo due direttrici strettamente connesse: da un lato la rivisitazione delle Avanguardie storiche, dall'altro l’attenzione per la ricerca e la sperimentazione.
Il contributo di Francesco Ribuffo inaugura la serie di interventi di galleristi bolognesi che si susseguiranno nei prossimi mesi sulla nostra rubrica.

Foto Jacopo Benassi
Da sinistra: Francesco Ribuffo, Pasquale Ribuffo, Elena Ribuffo
  

Sono infiniti i ricordi che si rimescolano, si confondono e si trasformano dentro la mia, sempre più disordinata, memoria. Se devo ricordare un’emozione sola, tra le infinite ricevute frequentando le opere d’arte d’ogni tempo, non voglio fare torto agli amici e ai compagni di strada, e quindi citerò l’opera di un autore del passato, ma che vive ancora e che avrà ancora molto da offrirci in futuro. Forse siamo vivi perché possiamo dimenticare, ma credo che non potrò dimenticare mai la commozione, improvvisa e inesplicabile, provata davanti all’autoritratto di Rembrandt, esposto nel 2014 a Palazzo Fava*. La profondità abissale di quegli occhi, l’amore autentico, profondissimo, disarmato e disarmante, infuso in ogni pennellata.

A distanza di anni continuo a ricordare (ovvero riportare nel cuore) quell'esperienza. Da allora non so più giudicare, non mi interessa più, vorrei solamente che un simile sentimento fosse l’essenza di ogni mio gesto.


*
All'interno della mostra "La ragazza con l'orecchino di perla. Il mito della Golden Age da Vermeer a Rembrandt. Capolavori dal Mauritshuis".
 

Rembrandt van Rijn, Ritratto di uomo con cappello piumato, 1635-1640 circa, olio su tavola, cm 62,5 x 47
© L’Aia, Gabinetto reale di pitture Mauritshuis