PROROGATA FINO AL 29 APRILE LA MOSTRA “LA COMUNITÀ CHE VIENE”

photo

Prorogata fino al 29 aprile la mostra “La comunità che viene”

20/03/2018

presso il MAMbo, Bologna - Progetto a cura di Mark Nash per Arte Fiera POLIS / CINEMA

Foto: Pier Paolo Pasolini, 'Uccellacci Uccellini', 1966

La forte impronta della sezione POLIS di Arte Fiera 2018 non si esaurisce: dato il successo di “La comunità che viene”, la rassegna di film e video d’artista curata da Mark Nash, prodotta da Arte Fiera e allestita presso il MAMbo, è stata prorogata fino al 29 aprile 2018.  «Nash ha trovato a Bologna un luogo ideale per la ricerca che gli è cara dai tempi in cui ha co-curato Documenta 11 al fianco di Okwui Enwezor, e che in seguito ha portato con Isaac Julien alla Biennale di Venezia del 2015, ovvero il lascito del marxismo e del comunismo nella società postcapitalista; l’incrocio con la storia ideologica della città e il luogo scelto per la proiezione, una sala dedicata all’ideologia, parla dell’Emilia e dell’Italia come fulcro di un’evoluzione che tocca tutto il contesto geopolitico, incluso il nuovo assetto asiatico. In questo senso Arte Fiera riafferma la sua capacità di cogliere non solo i trend del mercato, ma anche i nodi sociali di cui l’arte si nutre» dice la direttrice di Arte Fiera Angela Vettese.

La serie di filmati, proiettati sullo spazio rettangolare lasciato vuoto dallo spostamento del quadro I funerali di Togliatti (1972) di Renato Guttuso, in occasione di una grande retrospettiva a Torino,  indaga infatti la nozione di comunità nel senso che questa ha assunto nel comunismo italiano in relazione a quello  sovietico. Un tema scomodo ma di scottante attualità, data la perdita di orientamento ideale che connota il nostro momento storico. Un estratto dal film di Pier Paolo Pasolini Uccellacci e Uccellini (1966) documenta anch’esso il funerale del leader del PCI; Joaquim Jordà & Gianni Toti assemblano un footage su Lenin; Derek Jarman e William E. Jones mettono in risalto la sensibilità omoerotica nella cultura visuale sovietica; l’intervento scultoreo di Dana Claxton reintroduce nella galleria le bandiere rosse; Chen Shaoxiong documenta la storia della Repubblica Popolare Cinese (in 3 minuti!); le opere di Yervant Gianikian & Angela Ricci Lucchi (appena scomparsa e ampiamente celebrata) e Pere Portabella riflettono sul legame anti-comunista di Benito Mussolini e Francisco Franco. 

La rassegna si inscrive nel quadro di POLIS, un’iniziativa organizzata e prodotta da Arte Fiera; al suo secondo anno, ha nuovamente dimostrato di saper rafforzare la stretta relazione che Arte Fiera ha con la città. Con le mostre di POLIS/ARTWORKS in contesti di speciale suggestione e della Bologna più colta e imprevista, con le performance di  POLIS/ ’SPECIAL PROJECTS: Performing the Gallery’, e appunto con POLIS/CINEMA, ha offerto un programma di alto profilo tematico e di coerente intreccio col territorio.  

Arte Fiera è un evento di BolognaFiere S.p.a.

 

Informazioni pratiche
Mostra “La comunità che viene”
MAMbo - Collezione Permanente
13 marzo - 29 aprile 2018
martedì, mercoledì, venerdì, sabato, domenica e festivi h 10.00 – 18.30
giovedì h 10.00 – 22.00
chiuso il lunedì
tel. 051 6496611

Ufficio stampa Arte Fiera
Lightbox
Elena Pardini, elena@lightboxgroup.net 
Teresa Sartore, teresa@lightboxgroup.net
tel. 041 2411265

Ufficio stampa BolognaFiere SpA
Gregory Picco, gregory.picco@bolognafiere.it 
tel. 051 282862