OSSERVATORIO ARTE FIERA

photo

Giorgio Andreotta Calò

Giorgio Andreotta Calò (n. Venezia 1979) vive a lavora tra Italia e Olanda. Ha studiato scultura all’Accademia di Belle Arti di Venezia e alla Kunsthochschule di Berlino. Nel 2008 si è trasferito in Olanda dove è stato artista in residenza alla Rijksakademie van Beeldende Kunsten di Amsterdam (2009-2011). Nel 2011 il suo lavoro è stato presentato alla 54.ma Biennale di Venezia diretta da Bice Curiger. Nel 2012 vince il Premio Italia per l’arte contemporanea promosso dal Museo MAXXI di Roma e nel 2014 si trasferisce a New York con una borsa di studio promossa dal Ministero per gli Affari Esteri Italiano. Nel 2017 è uno dei tre artisti invitati a rappresentare l’Italia nel Padiglione curato da Cecilia Alemani alla 57.ma Biennale di Venezia. Nello stesso anno, con il progetto Anastasis, vince il bando Italian Council promosso dal MiBACT per la realizzazione di un’installazione monumentale presentata nel 2018 presso l’Oude Kerk di Amsterdam. Nel 2019 il Pirelli HangarBicocca di Milano gli dedica un’ampia retrospettiva.
Per Art City 2021, suo il progetto site-specific "Ellissi" presso il LabOratorio degli Angeli, a cura di Leonardo Regano.


Mi ricordo questa macchina parcheggiata con le transenne e non capivo perché. C'era la gente ferma tutt'intorno, come in attesa che succedesse qualcosa. 
Poi è arrivata una gru con un macigno fissato all'imbrago. Poi la gru ha cominciato a scaricare il macigno sulla macchina che si accartocciava sotto il peso come stagnola. C'era l'artista che dava indicazioni su come doveva essere schiacciata la macchina...
Mi sembrava fosse fuori dalla Fiera a Bologna, dove ci sono le torri di cemento, un po' di anni fa.  
Non so se è successo davvero, se era Bologna o un'altra città. Adesso ricollego tutto in questo modo. 
Credo fosse Jimmie Durham quello che dava indicazioni alla gru... Ho provato a cercare in rete ma non trovo nessuna immagine con la fiera di Bologna e la macchina non mi sembrava rossa ma di un altro colore... però sono abbastanza sicuro nel ricordo che fosse Bologna e che fosse questo lavoro di Durham... fuori dalla fiera in uno di quei giorni in cui c'era Arte Fiera. 
 

Cale op


   Indietro