GUIDI&SCHOEN

L’artista genovese Alessandro Lupi, residente a Berlino da più di 10 anni, torna ad esporre nella sua città con una serie di site-specific che dialogano con lo spazio attraverso i tre piani della galleria. Opere eterogenee che trovano una “linea” che riflette sula capacita di creare illusioni, cortocircuiti cognitivi e riflessioni sulla percezione della realtà. In un mondo sempre più dominato dalla virtualità, nel quale le esperienze diventano superficiali, effimere, a bassa definizione, il lavorare con lo spazio e la materia diventa un aspetto importante per comprendere che nella realtà si nascondono gli stimoli per creare un fitness dell'immaginazione più ampio e soggettivo.
The Genoese artist Alessandro Lupi, who has lived in Berlin for more than 10 years, returns to exhibit in his city with a series of site-specific installations that dialogue with the space through the three floors of the gallery. Heterogeneous works that find a "line" that reflects on the ability to create illusions, cognitive short circuits and reflections on the perception of reality. In a world increasingly dominated by virtuality, in which experiences become superficial, ephemeral, low-definition, working with space and matter becomes an important aspect to understand that in reality are hidden the stimuli to create a broader and more subjective fitness of imagination.
Ritorna